Coronavirus: l’Inps fornisce le prime istruzioni per le domande di cassa integrazione della ex zona rossa

L’Istituto nazionale di previdenza sociale ha inviato in data odierna un messaggio con le istruzioni per accedere agli ammortizzatori sociali

Con il D.L. 2 marzo 2020, n. 9 erano state adottate le prime misure a sostegno delle aziende e dei lavoratori dei Comuni della ormai ex zona rossa (ovvero Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini, Vò) per fronteggiare l’emergenza del Coronavirus

Solo oggi l’Inps ha diffuso il messaggio n. 1118 con le istruzioni e le modalità di presentazione delle domande di cassa integrazione ordinaria e di assegno ordinario ai sensi degli articoli 13 e 14 del D.L. n. 9/2020.

Secondo quanto stabilito dall’art. 13 del decreto legge citato, le domande di cassa integrazione ordinaria e di assegno ordinario possono essere presentate dai datori di lavoro, con la nuova causale denominata “COVID-19 d. l. n. 9/2020”, esclusivamente nei seguenti casi:

  • se l’interruzione o riduzione dell’attività lavorativa interessa unità produttive dei Comuni sopra elencati;
  • se l’interruzione o riduzione dell’attività lavorativa interessa unità produttive collocate al di fuori dei Comuni sopra citati, con riferimento ai soli lavoratori residenti o domiciliati nei predetti Comuni, impossibilitati a prestare l’attività lavorativa stessa.

Termine di presentazione della domanda

Le domande di accesso alla cassa integrazione ordinaria e all’assegno ordinario con la causale “COVID-19 d. l. n. 9/2020” devono essere presentate alla sede Inps territorialmente competente in relazione all’ubicazione dell’unità produttiva, esclusivamente in via telematica, entro la fine del quarto mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa (art. 13, comma. 1, D.L. 9/2020).

Per gli eventi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa iniziati nel periodo tra la data del 23 febbraio 2020 e la data di pubblicazione del presente messaggio, il termine di decorrenza di presentazione delle domande decorrerà a partire da oggi.

Modalità di presentazione delle domande

La domanda per accedere alle prestazioni di cassa integrazione ordinaria e di assegno ordinario è disponibile nel portale INPS .

In relazione alla prestazione di assegno ordinario, unitamente alla domanda deve essere obbligatoriamente presentata la dichiarazione di responsabilità che attesti:

  • che l’unità produttiva per la quale è presentata l’istanza è attiva alla data del 23 febbraio 2020 ed è ubicata nei territori dei comuni di cui all’allegato 1 del DPCM del 1 marzo 2020 (sia in caso di domanda di CIGO che di assegno ordinario);
  • che i lavoratori per i quali si richiede l’integrazione salariale sono in forza all’azienda alla data del 23 febbraio 2020;
  • che l’unità produttiva, in cui si è verificato l’evento che ha dato luogo alla richiesta di integrazione salariare, è situata nei territori dei comuni di cui all’allegato 1 del DPCM del 1 marzo 2020 (solo in caso di domanda di assegno ordinario);
  • che i lavoratori per i quali si richiede l’integrazione salariale svolgono l’attività lavorativa nell’unità produttiva, specificata nel punto precedente (solo in caso di domanda di assegno ordinario).
  • che i lavoratori per i quali si richiede l’integrazione salariale hanno comunicato (in tal caso deve essere conservata presso l’unità produttiva la relativa dichiarazione sottoscritta) di essere residenti/domiciliati all’interno dei comuni di cui all’allegato 1 del DPCM del 1 marzo 2020 (sia in caso di domanda di CIGO che di assegno ordinario).

Il parere degli esperti

Leggi anche: