Coronavirus, primo caso in Alto Adige. Il bilancio: 7 morti e 230 contagiati. Non c’è ancora il paziente zero – Ultimi aggiornamenti

Cinque le vittime in Lombardia, una in Veneto. Il capo della Protezione civile Angelo Borrelli ha di nuovo ribadito che non ci sono conferme sul legame tra i casi di Lodi e di Vo’

C’è una settima vittima da Coronavirus. L’ultimo decesso di cui si ha notizia riguarda un 62enne di Castiglione d’Adda. Intanto, i contagi salgono a 230, dopo che è stato registrato il primo caso positivo in Alto Adige. A fornire il bilancio ufficiale dei dati è la protezione civile. Sei le vittime in Lombardia, una in Veneto. Il commissario per l’emergenza Angelo Borrelli ha di nuovo ribadito che non ci sono conferme sul legame tra i focolai di Lodi e di Vo’, ipotesi che ha iniziato a circolare oggi, 24 febbraio, e che se confermata potrebbe fornire una traccia sul cosiddetto paziente zero.


L’ultima vittima da coronavirus in Italia è un anziano di 80 anni deceduto in Lombardia. L’uomo era stato ricoverato per infarto all’ospedale di Lodi e trasferito poi al Sacco, dove è deceduto oggi, 24 febbraio. Superano i 220 i contagiati nel Paese. La Regione Lombardia ha smentito invece la notizia della morte per coronavirus della donna di Brescia, malata oncologica. Lo ha detto il ministro Fontana. «In merito alla notizia diffusa dagli organi di stampa in relazione ad una morte agli OSpedali Civili di Brescia, Regione Lombardia smentisce tale informazione, precisando che in tale struttura non si è verificato alcun decesso».

I bilanci

L’ultimo bilancio dei contagi da coronavirus nella sola Lombardia porta a 172 i casi confermati. In Lombardia è risultato positivo al virus un militare dell’esercito, residente a Cremona. L’uomo era in servizio a Milano, ma era assente da mercoledì e si trovava a casa. Ora, in via precauzionale, saranno controllati i colleghi che possono essere entrati in contatto con il militare nei giorni precedenti. Aumentano a 32 i casi confermati in Veneto. Si tratta di 24 pazienti di Vo’ Euganeo, 4 casi di Mirano e 4 casi a Venezia. Salgono a 18 i casi di coronavirus in Emilia-Romagna, tutti riconducibili al focolaio lombardo.

I contagi in Italia:

Oltre 77mila contagi in Cina, 763 in Corea del Sud e più di 200 in Italia. In una manciata di giorni il nostro Paese ha scalato la classifica dei luoghi nel mondo che hanno registrato più contagi da coronavirus. Un caso diverso da quello degli altri Paesi, tanto che la situazione dell’Italia questa mattina era sulla prima pagina di molti giornali esteri.

Oggi, lunedì 24 febbraio, comincia il primo giorno di coprifuoco in diverse regioni del Nord. La Lombardia è la regione con più casi registrati e quindi è proprio qui che le misure sono più rigide. Il governatore Attilio Fontana ha disposto infatti la chiusura delle scuole, dei locali aperti alla sera e la sospensione di eventi sportivi e culturali. E non solo, chiusi anche il Duomo di Milano, gli oratori e sono state sospese le Messe. La Procura di Milano ha deciso di chiudere l’accesso al pubblico a tutti gli uffici e alle segreterie dei pm.

Oms: «Preoccupati per l’Italia»

Il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha espresso preoccupazione per «l’improvviso aumento dei casi in Italia, Iran e Corea del Sud». Il direttore dell’Oms ha affermato che «non possiamo parlare ancora di pandemia ma solo di epidemia», ma ha anche messo in guardia: «Il mondo si prepari a una potenziale pandemia.

«Dobbiamo concentrarci sul contenimento e allo stesso tempo fare ogni cosa possibile per prepararci ad una potenziale pandemia», ha detto il direttore Tedros Adhanom Ghebreyesus. «Ogni Paese deve fare le sue valutazioni a seconda del proprio contesto. Anche noi lo faremo, monitorando 24 ore la situazione», ha aggiunto.

Fedriga: Quarantena per migranti irregolari

Il presidente del Friuli-Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, ha annunciato che verranno messi in quarantena, in via precauzionale, tutti i migranti irregolari che verranno rintracciati sul territorio del Friuli Venezia Giulia. E ha assicurato che la richiesta ha ricevuto il sì del governo.

Azzolina: Allo studio didattica a distanza

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha annunciato che il ministero è allo studio di soluzioni per permettere una didattica a distanza. «La situazione è in evoluzione, stiamo valutando tutti gli scenari. Il diritto alla salute in questo momento viene prima di tutto, ma non vogliamo farci trovare impreparati. Stiamo studiando soluzioni per la didattica a distanza. Vogliamo garantire un servizio pubblico essenziale ai nostri studenti», ha detto la ministra.

Possibili disagi per i treni anche domani

Ancora non si hanno certezze su quando riprenderà la circolazione dei treni sulla linea Lodi-Piacenza che è bloccata dalle 13.30 per controlli sanitari e «attività precauzionali» alla stazione di Casalpusterlengo, nella zona rossa del Coronavirus. «In via precauzionale – spiega Rfi in una nota -, l’offerta dei servizi di trasporto da domani, martedì 25 febbraio, sarà ridotta, anche in funzione della domanda di trasporto prevista dalle imprese ferroviarie».

Milano Centrale, ritardi treni fino 287 minuti

Ritardi da 100 a 287 minuti per i treni che da Milano Centrale sono diretti a Torino Porta Nuova, Salerno e Roma. Riguardano i convogli Alta Velocità: sia le Frecce di Trenitalia che i treni di Italo. Per tutti è cambiato il percorso, deviato per consentire di sanificare la stazione di Casalpusterlengo per il problema coronavirus. Ritardi analoghi anche negli arrivi a Milano Centrale da Roma, Salerno e Napoli. Manca però in stazione la consueta folla delle situazioni analoghe.

Governo: «Niente stop a Schengen»

Il governo ha escluso al momento la possibilità di chiudere l’area Schengen, eventualità esaminata oggi, 24 febbraio, nel corso di una riunione alla protezione civile con il premier Giuseppe Conte, i ministri e alcuni governatori. «In ogni caso tale misura non garantirebbe nessuna efficacia cautelativa», ha detto la protezione civile. Il governo ha proposto inoltre una riunione con i ministri della Salute del Paesi a confine con l’obiettivo di «arrivare a condividere linee d’azione comuni».

Regole per Pubblica Amministrazione: gel, mascherine e smart working

La direttiva per disciplinare il lavoro nella P.a in conseguenza alla diffusione dei contagi per Coronavirus conterrà norme di comportamento e igieniche, dalla dotazione di salviette monouso ai dispenser di gel disinfettante fino alle mascherine nei casi in cui si riterrà necessario. Rientreranno nel provvedimento anche le regole sulla distanza da tenere tra i lavoratori e misure per agevolare il telelavoro e lo smart workign. È quanto è emerso al termine del tavolo tra la ministra della P.a, Fabiana Dadone, e i sindacati.

Sì alle partite a porte chiuse

Il ministro dello sport Vincenzo Spadafora ha annunciato che è in arrivo un decreto per permettere di disputare le partite di calcio a porte chiuse. Il primo sì a questa eventualità era arrivato già da Walter Ricciardi, membro dell’esecutivo Oms nominato consigliere del ministro della Salute. La richiesta era stata avanzata dalla Federcalcio. Anche il presidente della Lega calcio di serie A, Paolo Dal Pino, ha inviato una lettera al governo per chiudere di non sospendere le partite di calcio, ma di permettere che vengano disputate a porte chiuse.

Il paziente zero

Potrebbe esserci una svolta sull’individuazione del paziente zero, dal quale è partito il contagio che si è diffuso nelle Regioni del Nord Italia. Secondo quanto riferisce l’Ansa, un agricoltore di 60 anni di Albettone, paese vicino a Vo’ Euganeo, focolaio in Veneto, era stato nei giorni scorsi a Codogno, il focolaio in Lombardia. L’uomo ora presenterebbe sintomi influenzali. Ma il commissario straordinario Borrelli ha detto di non avere al momento un collegamento tra i casi di Lodi e di Vo’.

Dimessi 8 italiani in quarantena

Sono stati dimessi gli 8 italiani che, dopo essere stati rimpatriati dalla Cina il 9 febbraio scorso con un volo dell’Aeronautica militare per l’emergenza Coronavirus, hanno trascorso i 14 giorni di isolamento nel policlinico militare di Roma del Celio. Arrivati in mattinata, i risultati degli ultimi tamponi, gli 8 sono stati dimessi. Cinque hanno già lasciato il policlinico militare, i restanti tre italiani andranno via domani.

Medici base in quarantena, rischio carenza

Nelle zone della Lombardia focolaio del Covid-19 è a rischio la presenza sul territorio dei medici di famiglia. E’ l’allarme della Federazione nazionale dei medici di medicina generale (Fimmg) che sottolinea la mancata sostituzione. Nelle ultime ore – spiega – ben 7 medici di base sono stati posti in quarantena nel Basso Lodigiano e altri 2 a Bergamo. Nei giorni scorsi era stato ricoverato il medico di Codogno che aveva visitato il 38enne risultato positivo, mentre a Vò Euganeo, in Veneto, altri tre medici di base sono in isolamento.

Italiani bloccati alle Mauritius

Sono circa 70 i passeggeri provenienti da Veneto e Lombardia bloccati a bordo di un volo Alitalia ai quali non è stato permesso lo sbarco alle Mauriutius. Alitalia sta predisponendo il rientro per 40 di loro. Le autorità locali chiedono ai passeggeri di rientrare in Italia, oppure di sottoporsi a un periodo di quarantena nel paese nell’oceano Indiano.

Un bus bloccato a Lione

A Lione è stato bloccato un autobus partito da Milano e diretto a Bordeaux. Secondo i media locali, lo stop è scattato dopo che una passeggera ha chiamato la polizia, allarmata dalla «forte e anomala tosse» dell’autista. Il conducente dell’autobus è stato ricoverato per i controlli insieme a un passeggero.

Italia sotto osservazione

La Commissione Ue ha stanziato 230 milioni di euro per aiutare la lotta globale contro la diffusione del coronavirus, che andranno a supportare misure di preparazione dei Paesi, anche extra Ue, finanziare la ricerca e permettere l’acquisto di materiale per favorire la prevenzione. Lo hanno annunciato i commissari europei alla salute e alla gestione delle crisi, Stella Kyriakides e Janez Lenarcic.

A seguito degli sviluppi in Italia della situazione legata alla diffusione del coronavirus, domani sarà mandata in Italia, «in accordo con le autorità italiane», una missione congiunta dell’Ecdc e dell’Oms. Lo ha annunciato la commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides, sottolineando che negli ultimi giorni è stata «in regolare contatto» con il ministro della Salute Speranza. L’Italia ha preso «tutte le misure necessarie» per tracciare la diffusione del virus e prevenire ulteriori contagi, ha detto.

«Voglio lodare la risposta rapida e professionale delle autorità italiane” nel contrastare la diffusione del coronavirus, ha commentato il commissario Ue alla gestione della crisi Lenarčič: «abbiamo una eccellente collaborazione con loro nel campo della protezione civile e sono sicuro che l’Italia abbia il personale competente e le strutture efficienti per rispondere in maniera ben coordinata» alla situazione.

In Basilicata la quarantena per chi arriva dal Nord

Il presidente della regione Basilicata, Vito Bardi, ha imposto una quarantena di 14 giorni a tutte le persone che rientrano da Lombardia, Veneto, Piemonte, Liguria e Emilia-Romagna. La quarantena è estesa anche a chiunque abbia soggiornato in queste regioni negli ultimi 14 giorni.

Roberto, in quarantena a Codogno: «Non abbiamo tutti il coronavirus»

Fra le persone rimaste a casa nei luoghi in cui è partita l’epidemia c’è Roberto Cighetti, residente a Cologno e insegnate di scienze naturali e anatomia di un istituto di Casalpusterlengo: «Ci sentiamo un po’ confinati. Io non posso nemmeno andare a lavoro perché la scuola dove insegno è stata chiusa così come ristoranti e bar».

Nessuna deroga alla quarantena di Wuhan

Le autorità locali di Wuhan, luogo da cui è partita l’epidemia di coronavirus, avevano deciso di allentare le misure che bloccano da tempo la città. Era stato consentito di partire alle persone che non avevano dimostrato sintomi e che non erano entrare in contatto con pazienti infetti. Dopo poche ore, l’apertura è stata revocata da Pechino che invece ha confermato la quarantena.

Il parere degli esperti

Leggi anche: