Morandi in ginocchio da… Amadeus. La sua versione: «L’ho fatta grossa: scusate»

Il cantautore ha postato le proprie scuse per la canzone pubblicata per errore che avrebbe potuto costargli la partecipazione al Festival di Sanremo

Dopo l’errore che ha messo a rischio la sua attesa partecipazione a Sanremo, e la decisione degli organizzatori del Festival di farlo rimanere in gara tra i 25 artisti che parteciperanno ala kermesse canora, Gianni Morandi ha voluto scusarsi pubblicamente per l’accaduto: «Questa volta l’ho fatta grossa. Ho sbagliato a postare inavvertitamente su Facebook un video con dei frammenti della canzone che devo cantare a Sanremo (Apri tutte le porte, ndr). Mi ostino a fare da solo ma sono proprio un imbranato! Appena mi sono accorto l’ho cancellato, ma qualcuno lo aveva già visto». Nelle scorse ore, infatti, sulla pagina Facebook del “Gianni nazionale” era apparso un video tratto di backstage in cui Morandi parlava con il produttore Mousse T e con Jovanotti, ma dove si sentiva anche parte della sua canzone inedita per Sanremo. Per alcune ore la sua partecipazione al Festival è rimasta in sospeso, in attesa di valutazione di un possibile mancato rispetto del regolamento della kermesse.


In mattinata poi è arrivata la decisione della direzione artistica del Festival (Amadeus, ndr) e della Rai, che ha perdonato l’«inconveniente tecnico, dovuto alla necessità di Morandi di portare un tutore alla mano destra che ha subito diversi interventi a seguito dell’incidente occorsogli alcuni mesi fa». Ma Morandi, in un post su Facebook, ha comunque voluto scusarsi per bene: «Sono affranto, dispiaciuto e mi scuso moltissimo con la Rai, con la Direzione artistica del Festival, con la mia casa discografica, con i musicisti, con il produttore Mousse T, con Jovanotti e con tutte le persone che stanno lavorando a questo progetto». E infine Morandi chiosa con una battuta, riferendosi all’amata e immancabile moglie Anna: «Forse da oggi è meglio che dei social se ne occupi lei». Perdonato, capita anche ai migliori.


Leggi anche: