Sanremo, orchestrali sottopagati. La denuncia: «Cinquanta euro al giorno e rimborsi spesa ridicoli»

Il racconto del rappresentante sindacale che da anni si batte per salari giusti. Anche a Sanremo

Opulenza, abiti da sogno, lustrini e cachet da sballo. Per tutti, tranne per gli orchestrali – o meglio, per una consistente parte di loro – che, di fatto, hanno il compito di intrattenere e condurre musicalmente le cinque serate del Festival di Sanremo.


È una situazione «che va avanti da anni», non è certo una novità, almeno stando a quanto riferiscono dai sindacati. Emanuela Bizi, rappresentante Cgil – e che da tempo si occupa del fenomeno -, spiega bene il meccanismo: «L’orchestra che vediamo trincerata nella buca, al teatro Ariston, è per la maggior parte composta da professionisti dell’Orchestra Sinfonica della Rai, regolarmente contrattualizzati dall’azienda del servizio pubblico».

Poi, però, dice: «Per la manifestazione sanremese la formazione “standard” viene rimpinguata, vengono cioè aggiunti alcuni elementi nell’orchestra per integrare l’organico già esistente». E qui l’intoppo. I musicisti extra sono sì assunti da mamma Rai e contrattualizzati, ma sono tecnicamente freelance, mantengono la partita iva, percependo circa 50 euro al giorno.

«Vengono pagati mediante forfait. Parliamo però di un lavoro che inizia 40 giorni prima del festival e va avanti sino alla finale», racconta Bizi. Dunque, facendo un rapido calcolo, a fine Sanremo la loro busta paga è di circa «1930 euro lordi, più un rimborso spese ridicolo di 180 euro. Parliamo di professionisti, gente che ha studiato anni e che se è là dentro qualcosa deve valere».

In più, i ritmi di lavoro sono massacranti. Iniziano alle 10 del mattino con le prove, e vanno avanti anche per 10-12 ore. «Se poi pensiamo che ieri hanno cominciato alle 10 ma il festival si è protratto oltre l’una di notte, quante ore sono? E non è che uno può dire: “Bene, le mie ore da contratto sono terminate, ciao a tutti io vado a casa”. Si sta lì finché ce n’è, the show must go on, no?».

Chiediamo allora se qualcuno abbia mai denunciato la cosa, e Bizi risponde: «Ti raccontano il dietro le quinte, e poi ti ammoniscono: “mi raccomando non dirlo a nessuno”. Questo perché vivono una situazione di evidente ricatto. Se venisse fuori il nome di qualcuno di loro, la Rai lo sospenderebbe dall’incarico e allora addio lavoro e stipendio».

Abbiamo chiesto alla Rai di replicare, ma stiamo ancora attendendo una risposta.

Speciale Sanremo 2020

Il regolamento

I pronostici

I 24 cantanti Big in gara

Achille LauroMe ne frego Alberto UrsoIl sole a est AnastasioRosso di rabbiaBugo e Morgan * – Sincero DiodatoFai rumore Elettra LamborghiniMusica (E il resto scompare) ElodieAndromeda Enrico NigiottiBaciami adesso Francesco GabbaniViceversa Giordana AngiCome mia madre Irene GrandiFinalmente io Junior CallyNo grazie Le VibrazioniDov’è LevanteTiki Bom Bom Marco MasiniIl confronto Michele ZarrilloNell’estasi o nel fango Paolo JannacciVoglio parlarti adesso Piero PelùGigante Pinguini Tattici NucleariRingo Starr RancoreEden Raphael GualazziCarioca RikiLo sappiamo entrambi Rita PavoneNiente (Resilienza 74) ToscaHo amato tutto

* squalificati per defezione

Classifica

Pagelle

Ascolti

Le Nuove proposte (Giovani)

Il caso Bugo

In evidenza

Da non perdere

5 serate per 5 ricordi