Sanremo 2020, chi è Bugo di cui tanto si parla in queste ore

Non è esattamente un novellino nel campo musicale, ha alle spalle una carriera ventennale

Nato a Rho nel 1973, si è trasferito prima a Novara per poi ritornare a Milano. Cristian Bugatti – in arte Bugo – non è solo colui che ieri, 7 febbraio, ha abbandonato il palco del festival sanremese mentre il suo compagno di viaggio, Morgan, cambiava il testo della loro canzone – Sincero – in corsa, costringendolo ad andarsene, quasi si fosse arreso alle bravate del collega.

La carriera

Bugo non è esattamente un novellino, ha alle spalle una carriera ventennale. Carriera che più volte lo ha portato a sperare nell’Ariston, a sfiorarlo con le dita, ma che, di fatto, gli ha sempre dato picche. «Fantautore», «padre dell’indie italiano», «pioniere del nuovo cantautorato», «il nostro Beck»: lo chiamano così i suoi fan più appassionati.

Pubblica il primo album nel 2000, si intitola «La prima gatta». Il successo non è dirompente, ma è l’occasione per fare un po’ di palestra, per frequentare gli ambienti underground. Il ragazzo ha uno stile ironico, a volte quasi allucinato. Spazia dal folk al rock. Nel giro di pochi anni subisce una trasformazione nello stile, e decide così di dedicarsi all’elettronica. Il quotidiano britannico Guardian lo inserisce fra i nomi di spicco della musica italiana insieme a colleghi come Vasco Rossi, Tiziano Ferro, Jovanotti.

Vita privata

Poi il periodo introspettivo: si trasferisce in India, abbandona il panorama musicale italiano provvisoriamente. Si dedica allora all’arte, e vive a New Delhi dal 2010 al 2014 con la moglie, da cui ha un figlio. Torna nel 2016 a calcare i palcoscenici con la musica, scrive due nuovi album, questa volta più rockettari: Nessuna scala da salire (2016) e RockBugo (2018).

Molto vicino al suo pubblico, sente l’esigenza di raccontarsi spesso e volentieri sui social. Ma a chi gli dice che possa essere considerato il papà dell’indie, Bugo risponde: «È un po’ di anni che leggo sui giornali che sono l’antesignano dell’indie. A me va bene ma ho 46 anni, non sono un vecchio. La verità è che non ho inventato nulla ma sono uscito quando andavano di moda le band. Ho solo ripreso il discorso dei vari Vasco Rossi e Rino Gaetano quando era stato interrotto da un po’».

Speciale Sanremo 2020

Il regolamento

I pronostici

I 24 cantanti Big in gara

Achille LauroMe ne frego Alberto UrsoIl sole a est AnastasioRosso di rabbiaBugo e Morgan * – Sincero DiodatoFai rumore Elettra LamborghiniMusica (E il resto scompare) ElodieAndromeda Enrico NigiottiBaciami adesso Francesco GabbaniViceversa Giordana AngiCome mia madre Irene GrandiFinalmente io Junior CallyNo grazie Le VibrazioniDov’è LevanteTiki Bom Bom Marco MasiniIl confronto Michele ZarrilloNell’estasi o nel fango Paolo JannacciVoglio parlarti adesso Piero PelùGigante Pinguini Tattici NucleariRingo Starr RancoreEden Raphael GualazziCarioca RikiLo sappiamo entrambi Rita PavoneNiente (Resilienza 74) ToscaHo amato tutto

* squalificati per defezione

Classifica

Pagelle

Ascolti

Le Nuove proposte (Giovani)

Il caso Bugo

In evidenza

Da non perdere

5 serate per 5 ricordi