Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Sanremo 2022. Fiorello, i Meduza, don Massimo e la vuvuzela di Giusy Ferreri: il Top&Flop della prima serata

Sanremo ci mancava, perciò oggi saremo indulgenti. Da domani invece nessuna pietà, non faremo passare più nulla

La prima serata è andata. Ritmo spedito, passo veloce, nel suo giorno d’esordio il Festival di Sanremo edizione 2022 si è chiuso insolitamente presto: la classifica della sala stampa è stata pubblicata entro l’1 di notte. Quello che è andato in scena è un format ormai ben rodato: Amadeus alla conduzione, Fiorello che guida i momenti comici e una selezione di cantanti che mischia l’anima più conservatrice della rassegna con artisti emergenti e cantanti in grado di monopolizzare le classifiche di Spotify. Come da tradizione, il day after è quello delle prime pagelle e noi di Open siamo pronti a servirvi il nostro caffè dal gusto sanremese corretto con una buona dose di Top e Flop della prima serata.


Top – Il pianto dei Maneskin

ANSA/ETTORE FERRARI | Il pianto di Damiano

In un anno sono passati da concorrenti a ospiti internazionali. La cavalcata trionfale dei Maneskin è partita da Festival di Sanremo, un evento che ha permesso loro di arrivare all’Eurovision song contest e quindi di esportare la loro musica in tutto il mondo. Ci aspettavamo parecchio dalla loro performance e abbiamo avuto molto. Quello che però ha lasciato il segno sono le lacrime che stavano per scoppiare dagli occhi di Damiano mentre il pubblico applaudiva per la loro esibizione. Grazie, anche di questo.


Top – Mahmood e Blanco

ANSA/ETTORE FERRARI | Blanco e Mahmood

Sì, ce li aspettavamo e sì, sulla carta erano tra i favoriti. Eppure la loro Brividi ci ha sorpreso lo stesso. Mahmood e Blanco si sono impossessati del palco dell’Ariston, nonostante un mantello che voleva solo cadere a terra. Canzone stupenda, esibizione riuscita, interpretazione azzeccata. Unica pecca? Forse sembra tutto fatto in laboratorio per vincere Sanremo.

Top – Fiorello

RAI | Fiorello e Amadeus

Non è facile scherzare sull’attualità, soprattutto a Sanremo. Ma inanellare in un solo monologo il Coronavirus, l’ex e neo presidente Sergio Mattarella e il premier Mario Draghi non è impresa da poco. Fiorello funziona, ancora. Il nuovo (ultimo?) capitolo della saga di Amadeus parte bene. Da capire se rivedremo Fiorello anche nelle prossime puntate.

Top – I Meduza sono italiani

ANSA/ETTORE FERRARI | L’esibizione dei Meduza

È uno degli argomenti che hanno vinto più meme su Twitter. Scoprire che la band dietro alcuni dei singoli più ballati in questi anni fosse italiana è stata una sorpresa per tutti. A partire dal pubblico in sala all’Ariston

Flop – Achille Lauro

ANSA/ETTORE FERRARI | Achille Lauro

Forse ormai le aspettative erano troppo alta. Negli ultimi anni Achille Lauro è passato dall’essere un corpo estraneo al Festival a diventare uno dei suoi protagonisti più importanti. Dopo i fasti passati, nella sua ultima esibizione Achille Lauro ha ridotto tutto al minimo: coro gospel, un filo di trucco, pantaloni di latex e petto in vista. Anche la musica però ci sembra che abbia affrontato lo stesso tipo di dieta dimagrante.

Flop – La vuvuzela di Giusy Ferreri

ANSA/ETTORE FERRARI | Giusy Ferreri

Non è il 2010. Non siamo in Sudafrica. Non stiamo giocando i Mondiali di Calcio. Informazioni per noi scontante ma evidentemente poco chiare per Giusy Ferreri che si è presentata sul palco di Sanremo con un’improbabile megafono di metallo con cui ha cantato le prime note della sua canzone. In pratica una vuvuzela. Facciamo che la prossima volta la lasciamo in camerino, ok?

Flop – Don Massimo

ANSA/ETTORE FERRARI | Raul Bova nei panni di don Massimo

Cara Rai. È perfettamente lecito che nel mezzo dell’evento più seguito dell’anno tu voglia mettere in scaletta anche delle promozioni delle tue fiction. Detto questo se qualcuno nei prossimi anni vorrà capire cosa intendiamo con cringe potrà riguardare lo sketch con cui Raoul Bova nei panni di don Massimo è arrivato sul palco dell’Ariston.

Flop – Il trenino di Amadeus

RAI | Il trenino di Amadeus

Arrivano i Maneskin. Nell’ultimo anno sono diventati una delle band più famose al mondo. Hanno aperto un concerto dei Rolling Stones a Las Vegas e ora tornano a Sanremo dove tutto è iniziato. E noi come andiamo a prenderli? Con la versione evoluta del Brucomela. Dai, seriamente?

Speciale Sanremo 2022

I testi delle canzoni

Achille LauroDomenica | Aka 7evenPerfetta così | Ana MenaDuecentomila ore | Dargen D’AmicoDove si balla | Ditonellapiaga con RettoreChimica | ElisaO forse sei tu | EmmaOgni volta è così | Fabrizio MoroSei tu | Gianni MorandiApri le tue porte | Giovanni TruppiTuo padre, mia madre, Lucia | Giusi FerreriMiele | Highsnob e HuAbbi cura di te | IramaOvunque sarai | Iva ZanicchiVoglio amarti | La rappresentante di ListaCiao ciao | Le VibrazioniTantissimo | Mahmood e BlancoBrividi | Massimo RanieriLettera al di là del mare | Matteo RomanoVirale | Michele BraviInverno dei fiori | NoemiTi amo non lo so dire | RkomiInsuperabile | SangiovanniFarfalle | TananaiSesso occasionale | YumanOra e qui

Leggi anche: