Sanremo 2020, serata delle cover. Benigni recita il “Cantico dei cantici”. Mika emoziona l’Ariston e omaggia De André

di OPEN

I 24 big della musica italiana reinterpretano i successi della storia di Sanremo insieme agli ospiti. Tutti i duetti della serata

Dopo una seconda serata da record di ascolti, la terza serata della 70esima edizione del Festival di Sanremo 2020 è interamente dedicata alle cover. I 24 big della musica italiana in gara all’Ariston reinterpretano i successi della storia di Sanremo insieme agli ospiti. Tra gli ospiti, Roberto Benigni torna al Festival di Sanremo dopo nove anni dall’ultima esibizione. Ha scelto di dedicare la sua performance al Cantico dei cantici. Mika super ospite porta Fabrizio De André sul palco dell’Ariston con Amore che vieni, amore che vai.

«Benvenuti alla terza serata»

La terza serata comincia a ritmo serrato con le esibizioni dei cantanti in gara dopo le polemiche relative alle serate precedenti sugli orari slittati rispetto alla scaletta in programma. Dopo la prima carrellata di tre esibizioni, entra in scena Georgina Rodriguez, compagna di Cristiano Ronaldo, vestita con abito lungo chiaro tempestato di paillette. Amadeus è così in imbarazzo che stenta a spiccicare parola. Poi si toglie una sciarpa bianca che indossava per lo show e mostra – sotto lo smoking di velluto nero – una maglia della Juventus.

ANSA/ETTORE FERRARI

«È la più bella camiseta del mondo», scherza Georgina Rodriguez che lo invita a spogliarsi della giacca. Dunque il conduttore, tifoso interista, si toglie la giacca e sotto mostra la maglia della Juve, ma solo sul davanti. La maniche e il retro sono infatti nerazzurre. Sulla schiena di Amadeus il nome dell’attaccante dell’Inter Lukaku. Intanto, Cristiano Ronaldo entra all’Ariston a serata iniziata e prende posto in prima fila.

ANSA/ETTORE FERRARI

Pochi minuti più tardi, Amadeus raggiunge Ronaldo tra il pubblico, in prima fila, e gli dona il gagliardetto bianconero. Il campione della Juventus, portoghese di origine, ricambia con la sua maglia. «Ci sono campioni che appartengono a tutto il calcio», commenta il conduttore.

ANSA/ETTORE FERRARI

Esibizione di gran «classe» quella di Raphael Gualazzi che, seduto in smoking al pianoforte, canta e incanta con E se domani eseguita insieme a Simona Molinari, vestita con un lungo abito bianco. Elegantissimi si sorridono a fine brano e ammiccano mentre lui le dona un fiore bianco. Il profilo Twitter ufficiale di Sanremo raccoglie il momento e lo condivide col suo pubblico.

Si può dare di più è il brano interpretato da Levante che sale sul palco dell’Ariston insieme a Francesca Michielin e Maria Antonietta. «Girl power», twitta l’account ufficiale di Sanremo.

ANSA/ETTORE FERRARI

Momento Benigni

Ingresso da super star per il premio Oscar Roberto Benigni. Accompagnato dalla banda, ha percorso il red carpet ed è salito sul palco dell’Ariston, accompagnato da Amadeus, tre minuti prima delle 23. «Quest’anno si può votare in tutti i modi, anche via citofono», esordisce Benigni riferendosi alla polemica che ha travolto il leader della Lega Matteo Salvini dopo il gesto fatto davanti alle telecamere nel quartiere periferico di Bologna.

Nove anni fa, alla sua ultima esibizione a Sanremo, Benigni entrò in sella a un cavallo bianco per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia. Dopo un omaggio a Fellini e Sordi in occasione del centenario, Benigni ricorda che nel 1980 a Sanremo vinse Toto Cutugno, «eterno secondo che arrivò primo».

Poi si concentra sull’amore e annuncia che canterà il Cantico dei cantici, «il brano più bello di tutti i tempi». «È una canzone d’amore, parla d’amore fisico di due ragazzi che cantano ognuno l’amore per l’altro. Non c’è canzone più ardente. È come avere Imagine o Yesterday dei Beatles e nessuno l’hai mai fatta in tv», spiega concitato il premio Oscar.

«Il Cantico esalta l’amore fisico. È la vetta della poesia di tutti i i tempi. Come fosse la Cappella Sistina – prosegue il comico toscano. Un famoso rabbino disse: “tutto il mondo e tutta la storia non valgono il giorno in cui il cantico è stato donato all’umanità”. Talmente bello che è diventato sacro anche se “la sua presenza nella Bibbia è strana: dentro ci sono corpi nudi frementi, erotismo, baci. Cose molto molto forti».

Il medley dei Pinguini tattici nucleari

I pinguini tattici nucleari mentre cantano un medley da 8 canzoni

Mika porta De André sul palco

Mika

Amore che vieni, amore che vai è il brano con cui il cantautore libanese ha omaggiato Fabrizio De André sul palco dell’Ariston. Questa è la terza volta di Mika al Festival di Sanremo: nel 2007 si era esibito con il singolo Grace Kelly, nel 2017 aveva portato il suo show Stasera CasaMika.

Tosca e Silvia Perez Cruz

Arrangiamento originalissimo quello di Piazza grande. Le voci di Tosca e di Silvia Perez Cruz si fondono in modo così armonioso e coinvolgente che il pubblico del teatro batte il ritmo con le mani. Lucio Dalla avrebbe gradito.

La scaletta della serata

I duetti per le cover sono così assortiti:

  • Michele Zarrillo con Fausto Leali – Deborah (Fausto Leali e Wilson Pickett, 1968)
  • Junior Cally con i Viito – Vado al massimo (Vasco Rossi, 1982)
  • Marco Masini con Arisa – Vacanze romane (Matia Bazar, Sanremo 1983)
  • Riki con Ana Mena – L’edera (Nilla Pizzi e Tonina Torrielli, 1958)
  • Raphael Gualazzi con Simona Molinari – E se domani (Fausto Cigliano e Gene Pitney, 1964)
  • Anastasio con PFM – Spalle al muro (Renato Zero, 1991)
  • Levante con Francesca Michielin e Maria Antonietta – Si può dare di più (Gianni Morandi, Enrico Ruggeri e Umberto Tozzi, 1987)
  • Alberto Urso con Ornella Vanoni – La voce del silenzio (Tony Del Monaco e Dionne Warwick, 1968)
  • Elodie con Aeham Ahmad – Adesso tu (Eros Ramazzotti, 1986)
  • Rancore con Dardust e La Rappresentante di Lista – Luce (Tramonti a nord-est) (Elisa, 2001)
  • Pinguini Tattici Nucleari – Medley con Papaveri e papere (Nilla Pizzi, 1952), Nessuno mi può giudicare (Caterina Caselli, 1966), Gianna (Rino Gaetano, 1978), Sarà perché ti amo (Ricchi e Poveri, 1981), Una musica può fare (Max Gazzè, 1998), Salirò (Daniele Silvestri, 2002), Sono solo parole (Noemi, 2011) e Rolls Royce (Achille Lauro, 2019)
  • Enrico Nigiotti con Simone Cristicchi – Ti regalerò una rosa (Simone Cristicchi, 2007)
  • Giordana Angi con Solis String Quartet – La nevicata del ’56 (Mia Martini, 1990)
  • Le Vibrazioni con i Canova – Un’emozione da poco (Anna Oxa, 1978)
  • Diodato con Nina Zilli – 24mila baci (Adriano Celentano e Little Tony, 1961)
  • Tosca con Silvia Perez Cruz – Piazza grande (Lucio Dalla, 1972)
  • Rita Pavone con Amedeo Minghi – 1950 (Amedeo Minghi, 1983)
  • Achille Lauro con Annalisa – Gli uomini non cambiano (Mia Martini, 1992)
  • Bugo e Morgan – Canzone per te (Sergio Endrigo e Roberto Carlos, 1968)
  • Irene Grandi con Bobo Rondelli – La musica è finita (Ornella Vanoni e Mario Guarnera, 1967)
  • Piero Pelù – Cuore matto (Little Tony, 1967)
  • Paolo Jannacci con Francesco Mandelli – Se me lo dicevi prima (Enzo Jannacci, 1989)
  • Elettra Lamborghini con Myss Keta – Non succederà più (Claudia Mori, 1982)
  • Francesco Gabbani – L’italiano (Toto Cutugno, 1983)

Speciale Sanremo 2020

Il regolamento

I pronostici

I 24 cantanti Big in gara

Achille LauroMe ne frego Alberto UrsoIl sole a est AnastasioRosso di rabbiaBugo e Morgan * – Sincero DiodatoFai rumore Elettra LamborghiniMusica (E il resto scompare) ElodieAndromeda Enrico NigiottiBaciami adesso Francesco GabbaniViceversa Giordana AngiCome mia madre Irene GrandiFinalmente io Junior CallyNo grazie Le VibrazioniDov’è LevanteTiki Bom Bom Marco MasiniIl confronto Michele ZarrilloNell’estasi o nel fango Paolo JannacciVoglio parlarti adesso Piero PelùGigante Pinguini Tattici NucleariRingo Starr RancoreEden Raphael GualazziCarioca RikiLo sappiamo entrambi Rita PavoneNiente (Resilienza 74) ToscaHo amato tutto

* squalificati per defezione

Classifica

Pagelle

Ascolti

Le Nuove proposte (Giovani)

Il caso Bugo

In evidenza

Da non perdere

5 serate per 5 ricordi