Sanremo, Amadeus sulle polemiche: «Ho la coscienza a posto». Show di Fiorello: «Cally? Viene alla cresima di mia figlia»

«Sapevo che le polemiche fanno parte del festival – ha detto il conduttore – Ma non mi hanno colpito o ferito perché sento di avere la coscienza a posto. Quello che ho fatto e detto non è stato per mancare di rispetto a nessuno, ma pensando solo alla musica»

La prima conferenza stampa del 70° Festival di Sanremo ancora sull’onda delle polemiche che hanno coinvolto il conduttore Amadeus, ma che ha avuto un “avvocato” d’eccezione: Fiorello. Amadeus, in vista del debutto di domani sera, da conduttore e direttore artistico, si è detto emozionato e felice «come un bambino», «perché sono da sempre un grande fan del Festival di Sanremo».


«Fin da agosto mi sono detto che secondo me questo Sanremo deve essere un intreccio di emozioni che appartengono alla storia dei 69 anni del festival, al presente e possibilmente al futuro». Sanremo 2020, ha continuato, «sarà imprevedibile. Sarà imprevedibile Fiorello, che conosco da 35 anni, non so cosa farà ma questo mi piace. E poi anche Tiziano Ferro, che porterà momenti legati alle canzoni ma anche emozioni».

Le polemiche

A proposito delle polemiche che hanno preceduto il Festival, dalle frasi sulle donne a Junior Cally, Amadeus ha confessato: «Sapevo che le polemiche fanno parte del festival. Ma non mi hanno colpito o ferito perché sento di avere la coscienza a posto. Quello che ho fatto e detto non è stato per mancare di rispetto a nessuno, ma pensando solo alla musica».

«Quando mi hanno dato questo compito – ha ricordato il conduttore e direttore artistico -, ho sempre detto che Sanremo è di tutti. L’importante è non mancare di rispetto a nessuno», ha aggiunto Amadeus, spiegando anche che nella scelta dei big in gara si è fatto guidare dall’idea di una composizione che potesse essere quanto più possibile attuale.

«Alcuni nomi appartengono a polemiche presenti o passate: Achille Lauro, Morgan, Junior Cally, ma non li ho scelti pensando a una provocazione, ma alla qualità dei loro brani».

Le donne scelte da Amadeus

In riferimento alla presenza delle donne, ha poi affermato: «So bene che quello della violenza e del femminicidio è un tema fondamentale. E allora quale miglior vetrina del festival per raccontare la storia di diverse donne? Volevo qualcosa che non fosse stato fatto prima in 69 anni. Se prendi decisioni che vanno fuori dalla normalità, è ovvio che questo può dividere».

In linea che l’imprevedibilità, l’incursione di Fiorello durante la stessa conferenza stampa. Lo showman ha imitato il direttore di Rai1 Stefano Coletta e soprattutto ha preso in giro Amadeus usando l’arma dell’ironia per difenderlo dalle polemiche che hanno preceduto il festival. «Dici la verità: mi hai scelto per l’aspetto fisico», dice Fiorello. «Hai pensato: sei migliorato, fra tre mesi fai 60 anni, ti voglio al mio fianco, né avanti né indietro».

Fiorello durante la prima conferenza stampa del 70° Festival di Sanremo – ANSA/ETTORE FERRARI

Lo show di Fiorello

Con il pass «Amico del conduttore», Fiorello racconta tra l’altro aneddoti “irripetibili” del passato di Amadeus, come una volta quando a Ibiza, nel 1990, «si trovò a ballare su un cubo senza rendersi conto che aveva accanto due ballerini di colore da 1.90 completamente nudi e con il “corredo importantissimo”».

«Non è colpa sua, Amadeus non si rende conto, è fatto proprio così», ha scherzato Fiorello. Quanto alle sue incursioni al festival, anticipa soltanto che gli piacerebbe «cantare con Tiziano ferro Finalmente tu, la canzone che presentai al festival 25 anni fa». Con Benigni, invece, difficilmente duetterà. «Non ha bisogno né di me né di nessuno, quando arriva Benigni automaticamente divento pubblico». E Junior Cally? «L’ho invitato alla cresima di mia figlia, mi ha detto che viene».

In conclusione Amadeus ha chiarito di aver avuto il pieno sostegno dell’azienda di Viale Mazzini nel momento in cui si è trovato al centro delle critiche per le sue parole a proposito di Francesca Sofia Novello: «Devo ringraziare la Rai, l’ad Fabrizio Salini e il direttore di Rai1 Stefano Coletta – ha detto il conduttore – per avermi dato completo sostegno. Ho sentito incondizionatamente solidarietà e un atteggiamento di fiducia nel lavoro che sto facendo. Ho avuto vicino tutta la Rai».

Speciale Sanremo 2020

Il regolamento

I pronostici

I 24 cantanti Big in gara

Achille LauroMe ne frego Alberto UrsoIl sole a est AnastasioRosso di rabbiaBugo e Morgan * – Sincero DiodatoFai rumore Elettra LamborghiniMusica (E il resto scompare) ElodieAndromeda Enrico NigiottiBaciami adesso Francesco GabbaniViceversa Giordana AngiCome mia madre Irene GrandiFinalmente io Junior CallyNo grazie Le VibrazioniDov’è LevanteTiki Bom Bom Marco MasiniIl confronto Michele ZarrilloNell’estasi o nel fango Paolo JannacciVoglio parlarti adesso Piero PelùGigante Pinguini Tattici NucleariRingo Starr RancoreEden Raphael GualazziCarioca RikiLo sappiamo entrambi Rita PavoneNiente (Resilienza 74) ToscaHo amato tutto

* squalificati per defezione

Classifica

Pagelle

Ascolti

Le Nuove proposte (Giovani)

Il caso Bugo

In evidenza

Da non perdere

5 serate per 5 ricordi